Le favole

Non per trovare un alibi per il bisogno di alibi che sta dietro alla credenza nel colpo di fulmine, ma bisogna pur dire che con questa storia veniamo bombardati fin da piccoli.

Le favole presentano tutte un plot che sa di automatismo: il Principe Azzurro è sempre forte, bello e ben vestito: la Principessa è spesso malamente abbigliata per via delle circostanze (cattura da parte di un orco, o di un strega maligna), ma è sempre di una bellezza prodigiosa, alla quale il Principe non si sogna nemmeno di resistere. Vedersi ed amarsi è tutt'uno: come se qualcuno schiacciasse un bottone, premesse un interruttore. E lo tenesse premuto per sempre: non si ha notizia di una coppia delle favole che si sia separata, o che abbia avuto un battibecco su quale programma guardare in televisione.

Questa "fulminea" attrazione, pur se fondata soltanto sulla bellezza, sul potere e sulla nobiltà: qualità esteriori, e non certo interiori, è insomma destinata - secondo le favole - a durare tutta la vita. Lo dice esplicitamente il classico lieto fine: e vissero tutti felici e contenti.